Sofia

Guida alla scoperta di Sofia, capitale della Bulgaria. Tutto quello che c'è da sapere per il turista, come arrivare e muoversi, cosa vedere, dove prenotare

Sofia è la capitale della Bulgaria con circa 1.200.000 abitanti. Si tratta di una città molto accogliente sia dal punto di vista climatico, dato che i Monti Vitosha la proteggono, che per l’atmosfera creata dalla popolazione aperta e disponibile ma anche dall’architettura e dal tessuto storico che la fonda. Ogni angolo della città trasuda qualcosa dal passato e questo la rende viva, donandole forte suggestioni. Non si può tralasciare comunque il fatto che a Sofia convivano la doppia faccia della medaglia, da un lato le tradizioni bulgare e un rapporto ancora antico con il lavoro artigianale e la quotidianità, da un altro invece i problemi legati alla criminalità che ne ingrigiscono i colori. In generale comunque il fascino della città è retto dalle numerose chiese, dalle vie pittoresche, dai musei che rendono Sofia un’attrattiva turistica con un fermento che si allinea a quello delle altre capitali dell’Est europa. Dopo Atene e Roma, Sofia è la città più antica del continente, l’antico nome è Serdica, dalla tribù dei Serdi che la costruirono per primi.

PRENOTA IL TUO HOTEL A SOFIA

Hotel Sofia

Se stai cercando una struttura ricettiva a Sofia consigliamo di prenotare anticipatamente online tramite Booking.com | Sofia oltre 299 strutture dove sarà possibile scegliere tra le migliori e più convenienti offerte di Hotel, Appartamenti, Ostelli, Ville e Affittacamere e leggere tutte le recensioni reali di chi già c’è stato. Sarai così sicuro al tuo arrivo di trovare ciò che hai visto da casa senza brutte sorprese. Al tuo rientro Booking.com ti richiederà una recensione che sarà poi pubblicata sulla pagina internazionale dedicata a quella struttura. Una eventuale recensione negativa è chiaro che creerebbe un grosso danno economico a quella struttura perchè altri turisti leggendola la eviteranno.

CENTRO STORICO DI SOFIA

Il centro storico della città è facilmente visitabile a piedi ed è stato ricostruito dopo la seconda guerra mondiale. I principali luoghi e monumenti da visitare a Sofia sono:

  • Piazza dell’Assemblea Nazionale: in cui è presente la statua a cavallo dello zar Alessandro II e il cui nome deriva dall’omonimo edificio che i erge nella piazza, al centro della quale è posto il monumento ai liberatori;

  • Cattedrale di Aleksandar Nevski: è il simbolo della liberazione attuata dai russi a sfavore della dominazione turca, si tratta della più grande cattedrale ortodossa nella regione dei balcani. Presenta cupole placcate in oro e all’interno è ricca di icone e dipinti di pregio;

  • Chiesa di Santa Sofia: dà il nome alla città ed è stata costruita sotto il regno di Giustiniano, si tratta di un esempio di archietuttura paleocristiana dell’europa sud orientale;

  • Piazza Aleksandar Battenberg: è la sede politica della capitale, vi si trova l’edificio del Partito Comunista Bulgaro e la sede della Banca Nazionale di Bulgaria;

  • Bulevard Osvoboditel: è uno dei viali maggiori della capitale e vi si trovano importanti edifici come il museo della capitale, il più grande teatro di prosa della Bulgaria, la chiesa russa;

  • Bagni Minerali: sono bagni pubblici molto antichi, distrutti durante la seconda guerra mondiale ma poi ricostruiti, la città è ricca di bagni termali;

  • Bulevard Vitosha: uno dei viali più alla moda con boutique, caffetterie e ristoranti nati alla fine del regime sovietico, con la rinascita artistica ed economica del paese;

  • Museo di storia nazionale di Sofia custodisce il Tesoro dei Traci e per questo è uno dei maggiori musei d’Europa;

  • I marciapiedi del centro storico sono di colore giallo, allestiti in tal modo agli inizi del 1900, in occasione del matrimonio del re ferdinando;

Tanti altri sono gli edifici da visitare a Sofia, città ricca quindi di arte, storia, religione, tradizioni ma che non dimentica di appartenere ad una Europa che mira al futuro, pur senza dimenticare il proprio glorioso e frastagliato passato.

CHIESE DI SOFIA

Il rapporto di Sofia con le religioni richiama una pluralità di pensieri teologici, in quanto Sofia è una città che fa da ponte tra Oriente ed Occidente e quindi tra diverse culture e civiltà. Ciò è avvenuto principalmente nel passato, anche a seguito delle numerose dominazioni subite dal popolo bulgaro e le quali hanno però determinato una ricchezza di sfumature culturali e religiose all’interno del paese.

La religione più diffusa in Bulgaria è quella della chiesa ortodossa russa ma è anche presente una importante comunità ebraica, mentre la minoranza turca porta con sé il credo islamico.

Gli edifici religiosi sono molto in tutto il paese e nella capitale si trovano alcuni tra i più importanti sia dal punto di vista dei fedeli che per la loro bellezza artistica.

  • Chiesa Aleksandar Nevski: considerato il simbolo religioso di Sofia, la cattedrale è nel centro della città ed è stata eretta nei primi del Novecento per commemorare la liberazione dalla dominazione turca. Lo stile dell’edificio è quello bizantino, ed ha le dimensioni più tra le più grandi del mondo come chiesa ortodossa.

    cattedrale alexander nevsky

    Cattedrale Alexander Nevsky – Sofia

    La cupola centrale ha un diametro di 50 metri, le navate sono 5 e, sotto il campanile, sono 12 le campane che suonano per richiamare i fedeli. All’interno la chiesa è arricchita da icone e dipinti che provengono da artisti bulgari e russi, anche la cripta raccoglie una pluralità di opere preziose;

     
  • Chiesa Boyana: è una chiesa patrimonio dell’Unesco dal 1979, l’edificio è situato ai piedi dei monti Vitosha. La chiesa è in stile medioevale e, ad impreziosirla, sono gli splendenti affreschi che risalgono al 1200 e sono considerati i precursori di quello che in italia sarà il rinascimento. Le opere raffigurano lo zar Iva di Rila e la moglie Irina in 89 scene differenti. La ricchezza e l’importanza degli affreschi è tale da determinare visite brevi per poche persone alla volta, soltanto 15 minuti di sosta per ammirare le opere, in modo da non alterare le condizioni di temperatura e umidità che possano nuocere alle opere ben conservate;

  • Chiesa di Santa Sofia: è la chiesa che dà il nome alla città, risale al 1500 circa. Il suo fascino è composto nel racchiudere perfettamente elementi orientali con quelli occidentali. Sorta con l’imperatore Giustiniano, sotto lo zar Boris I nel 1800 viene trasformata in una moschea. All’interno della chiesa si trova la tomba dello scrittore Vazov;

  • Moschea Bania Bazi Dzamija: posta a nord della città è la più grande e bella moschea della Bulgaria, ideata dall’architetto Sinan nel 1576, lo stesso che ha costruito le moschee di Instanbul e Solimano. E’ anche l’unica moschea in attività di tutto il paese, sorge difronte alla sinagoga e davanti alla piazza del mercato di Helite del 1909.

  • Chiesa di San Giorgio: a base circolare, costruita tra il 200 e il 400 è stata distrutta dagli Unni ma poi ricostruita da Giustiniano. Durante la dominazione turca è stata convertita in una moschea, ad oggi è un museo e all’interno se ne possono osservare i numerosi dipinti.

    Chiesa di san Giorgio

    Chiesa di San Giorgio – Sofia

MUSEI DI SOFIA

  • Sofia è una città ricca di arte, con numerosi edifici dall’architettura più svariata e che attraversa secoli che vanno dal paleocristiano fino all’età contemporanea, passando per i bizantini e anche le influenze del regime sovietico. I diversi periodi di dominazione hanno lasciato sul suolo bulgare una grande quantità di testimonianze che sono racchiuse nei vari musei della capitale.Di seguito sono elencati alcuni dei principali musei di Sofia:
    • Museo Nazionale di Storia: è una grande attrazione per studiosi e turisti, raccoglie numerosissimi reperti che testimoniano la storia bulgara dalla preistoria fino alla seconda guerra mondiale. Contiene sale con elementi tradizionali, artefatti medioevali, icone della chiesa ortodossa, monete ed oggetti in oro come il famoso oro dei Traci, il tesoro di Rogozen in particolare, davvero sorprendenti. Una sala è anche adibita a mostre temporanee, un’altra ospita la ricostruzione di una casa tradizionale bulgara;
    • Museo Santo Sinodo: presenta icone, oggetti e manoscritti che provengono dalla antica tradizione della chiesa ortodossa bulgara;
    • Museo Nazionale della Terra: importante centro per i biologi, contiene una collezione di più di ventimila minerali anche di grandi dimensioni, provenienti da tutto il mondo;
    • Museo Nazionale di Storia Militare: si trova lontano dal centro, offre un’ampia visione sulla storia militare bulgara, anche con effetti sonori che riempiono l’atmosfera e permettono di rivivere l’idea di grandi battaglie del passato. All’aperto si possono osservare le macchine da guerra, carri armati e cannoni appartenuti all’esercito nei tempi precedenti;
    • Museo Etnografico: ospitato nell’ex palazzo reale, è sede dell’esposizione di più di cinquanta mila oggetti che ripercorrono l’artigianato bulgaro, tra elementi della vita quotidiana, vestiti, strumenti musicali, gioielli, sculture in ferro battuto, utensili da cucina, da camera…
    • Museo della Sinagoga di Sofia: in ordine di grandezza è il terzo museo dedicato alla comunità ebraica in Europa, dopo Budapest e Amsterdam;
    • Galleria di Arte Nazionale: ospitata anch’essa all’interno del grande ex palazzo reale, ospita le opere degli artisti bulgari più famosi;

    Tra le visite è da aggiungere quindi il Palazzo Reale, situato nella piazza intitolata ad Aleksandar Battenberg e considerata la piazza principale di Sofia. L’edificio risale alla seconda metà del 1800, quindi al Secondo Impero Bulgaro e racchiude al suo interno il Museo Etnografico, per conoscere gli usi e i costumi del popolo bulgaro e la Galleria d’Arte Nazionale, per osservare opere di artisti moderni e contemporanei della Bulgaria.

Approfondimenti:
Sofia, ecco cosa vedere
Mercatini di Natale a Sofia
Sofia, vita notturna
Chiese di Sofia
Musei di Sofia
Festival internazionale del Cinema a Sofia
Sofia, turismo informazioni utili
I teatri di Sofia

Commenti

commenti