Auto italiane con targa bulgara. E’ boom

Vivere in Italia, si sa, costa caro. Ecco perchè molti italiani, oggigiorno, cercano di sfuggire al carovita approfittando di alcuni espedienti assolutamente legalizzati.

Uno di questi è il fenomeno dell’immatricolazione delle auto italiane in Bulgaria. Hai capito bene, parliamo di un espediente legalizzato.

Sono tante le auto che girovagano per le vie delle città italiane con tanto di targa bulgara al seguito. Lo fanno per sfuggire al bollo auto e agli ingenti costi assicurativi. Ora ti spiegherò che la pratica è del tutto legale se non vengano usati dei falsi prestanome bulgari nella compravendita, e consente di assicurarsi un bel risparmio a fronte solo di un bella fatica burocratica.

AUTO ITALIANA CON TARGA BULGARA: ECCO COME FARE

Ritenendo per assodato che ogni veicolo, per poter circolare in Italia, deve essere munito di copertura assicurativa con tanto di tagliando esposto sul parabrezza, nel caso di auto immatricolate in Bulgaria è prevista la copertura assicurativa automatica in forza di una convenzione Multilaterale di Garanzia, firmata a Madrid il 15 marzo 1991 che stabilisce questo per la gran parte dei paesi membri, tra i quali appunto la Bulgaria.

Questo vuol dire che in caso di sinistro la polizia non controllerà mai l’assicurazione ma dovrà solo trasmettere una relazione sull’incidente all’UCI (Ufficio Centrale Italiano) sul cui sito sono esposti i nomi di tutte le compagnie assicurative bulgare riconosciute sul territorio italiano.

In sostanza, un’auto immatricolata in Bulgaria può legalmente circolare in Italia con l’assicurazione bulgara, e quindi, come avrai capito, con costi notevolmente inferiori.

Non solo, ma se tu immatricoli un veicolo oggi, hai un anno di tempo per assicurarlo, pena un ammenda che va dagli 80 ai 318 euro.

Come fare quindi per cambiare la targa della tua auto?

In Bulgaria esistono delle società che permettono l’immatricolazione di auto ad italiani con targa bulgara, nella perfetta legalità.

Ne parleremo più avanti con ulteriori approfondimenti sul tema.

Commenti

commenti

You must be logged in to post a comment Login